Quanto spaventa la legionella


Cos’è la Legionella

La Legionella è un bacillo Gram negativo, aerobio, asporigeno, che vive in ambienti acquatici, soprattutto in presenza di punti di ristagno dell’acqua.
Sono ben 52 le specie di Legionella conosciute e la pneumophila di sierogruppo 1 è quella implicata nella patologia umana.
L’infezione, può svilupparsi anche in modo asintomatico, si manifesta in due forme cliniche: la febbre di Pontiac e la Malattia del Legionario.

Nel primo caso dopo un’incubazione di 24 – 48 ore si manifesta con un quadro clinico molto simile alla classica influenza e non coinvolge i polmoni. 
Nel secondo caso, l’incubazione è di 2 -10 giorni e causa una polmonite interstiziale ed in alcuni casi manifestazioni extra polmonari.
È molto importante sottolineare che le probabilità di contrarre la malattia sono maggiori nei soggetti predisposti da cure mediche precedenti, interventi chirurgici complessi, anziani con patologie croniche senili o persone in situazioni di immuno deficienza.

Legionella e studi odontoiatrici

Nonostante ultimamente la cronaca ne parli molto, dobbiamo sottolineare il fatto che il rischio di infezione da legionella in uno studio odontoiatrico è molto basso.

I pazienti devono stare tranquilli, anche se la legionella si può trovare ovunque (condotte idriche pubbliche, piscine, soffioni delle docce di casa, impianti di condizionamento), causa raramente la malattia nell’uomo, parliamo del 5%.

In ambito odontoiatrico la fonte di contaminazione potrebbe essere rappresentata dagli spray erogati dagli strumenti rotanti, come le turbine, ma il rischio di contrarre la malattia è davvero remoto e dipende sia dal grado d’intensità dell’esposizione, ossia dalla quantità di legionella presente e dalla carica infettante e virulenza dei singoli ceppi, che dal tempo di esposizione (durata dell’intervento).

Prevenzione della contaminazione da legionella nel nostro studio odontoiatrico

Nel nostro studio odontoiatrico, per la prevenzione della contaminazione della linea idrica della poltrona, siamo stati i primi ad adottare sistemi di disinfezione chimici atti a ridurre la carica batterica presente nel circuito. Ogni poltrona è dotata di un dispenser che disinfetta l’acqua del bicchierino e quella che esce dai nostri strumenti, anche durante la semplice pulizia del tartaro. I nostri pazienti possono quindi sottoporsi alle cure senza nessuna preoccupazione. La nostra professionalità e la vostra tranquillità sono molto importanti per noi.

La prevenzione della contaminazione avviene in più fasi:

  • dispositivi anti reflusso: uno standard richiesto da una specifica norma, che serve a prevenire la retro contaminazione. Praticamente delle membrane impediscono all’ acqua di rientrare nei tubi infettando i condotti a monte.
  • utilizzo di serbatoi “a boccia” o dispenser, da riempire con acqua distillata e clorata che servono ad alimentare il circuito idrico del riunito in caso di sospetta infezione di pazienti con malattie infettive in atto. Blocco della poltrona per 3 ore.
  • disinfezione chimica sempre per tutti i pazienti. Nello specifico nel nostro studio usiamo il sistema Metasys con decontaminazione su ogni poltrona odontoiatrica al 2% di perossido d’idrogeno ad ogni ciclo per ogni paziente con controlli ciclici di purezza presso enti preposti. Alla mattina prima del lavoro e alla sera finito il lavoro, si fa andare l’acqua di tutto lo studio, compresi i servizi, per 10 minuti al fine di eliminare ristagni o pozze nel circuito.
  • controllo semestrale dei filtri dell’aria di condizionamento dello studio con pulizia dei condotti da ditta specializzata.

Ecco spiegato come si controllano le infezioni e perchè dal dentista, che applica la prevenzione seriamente, è impossibile un contagio da legionella.

Quando verrete da noi, non esitate a chiederci di spiegarvi e di mostrarvi i nostri procedimenti e gli standart che applichiamo per voi, per noi, per i nostri dipendenti e i nostri collaboratori.

Andrea, Ilaria Caprotti, Giusy Cattaneo